Un Progetto Concreto

Home Forum ONG/cooperazione/aiuti umanitari Un Progetto Concreto

Questo argomento contiene 164 risposte, ha 0 partecipanti, ed è stato aggiornato da  synthiax 10 anni, 7 mesi fa.

Stai vedendo 15 articoli - dal 31 a 45 (di 165 totali)
  • Posts
    nestor
    Partecipante

    Smetto per un attimo la frusta maschera da clown per questo argomento serio e importante.

    Postulato che si tratta di un’iniziativa lodevole, credo che uno dei problemi principali da affrontare sia la distribuzione degli aiuti. Perchè indipendentemente dalla buona volontà di un eventuale “agente” sul posto, è molto difficile, a volte, raggiungere chi ha davvero bisogno.

    In questo senso, pur con tutte le remore di un vecchio peccatore come il sottoscritto, so per esperienza che, perlomeno in alcune isole, i religiosi sono presenti capillarmente.

    Approposito di farmaci: molte volte nelle famiglie (!) non c’è nemmeno la percezione della gravità delle malattie, soprattutto per quanto riguarda i bambini e finisce che pochi si rivolgono al medico o alle strutture sanitarie (ammesso che ci siano).

    Questa è solo una riflessione; passando alle cose pratiche nella lista riportata da Synth aggiungerei degli antistaminici. Le allergie esistono anche a Capo Verde, ma il più delle volte non vengono diagnosticate in tempo o sedate rapidamente per mancanza di farmaci (mi hanno riferito di un ragazzo deceduto di recente per una reazione allergica non curata).

    hasta siempre

    synthiax
    Partecipante

    Grazie Nestor…
    Ho sistemato la lista in ordine alfabetico in modo da inserire/eliminare + facilmente farmaci su suggerimento degli utenti.

    Altro spunto di riflessione sul tuo messaggo è che, secondo me, un nostro intevervento dovrà riguardare proprio i “dimenticati”, cioè un posto dove nè autorità, nè missionari, nè altri volontari sono ancora arrivati o stanno operando e, purtroppo sappiamo che ce ne sono !!

    In altre parole, inutile raccogliere, ad esempio, medicinali per Mindelo o Praia: magari non eficientissime, ma le strutture esistono già. In altri posto poi, per fortuna stanno nascendo ospedali.

    Come spieghi tu, il “DOVE” sarà poi un punto altrettanto importante da valutare insieme.

    La regola penso sia dettata dal buon senso: DOVE ce ne sarebbe estremo ed assoluto bisogno e purtroppo, ad oggi, non c’è.

    Ecco che in questo modo risulteremo “utili”.

    synthiax
    Partecipante

    Scusate, volevo aggiungere che sono davvero stupito positivamente per l’interesse suscitato.
    Molti di voi mi scrivono in privato, alcuni postano sul forum…
    Credo abbiate capito che non sono un “volontario della solidarietà” ma solo un gran volenteroso 🙂 Grazie

    Sempre su suggerimento di utentis espertis di CV, direi di proseguire sulla linea guida:

    PROGETTI PICCOLI E CONCRETI e cioè

    PICCOLE QUANTITA’ DI MEDICINE: possono essere consegnate a quell’utente che se ne vuole occupare e porta il materiale direttamente negli ambulatori (o li consegna alla persona di fiducia).

    MATERIALE SCOLASTICO (penne, matite, quaderni, colori, album per gli asili) o semplicemente risme di carta, cartucce per le stampanti (quasi impossibili da trovare), libri (anche se dovranno essere in portoghese) ma questi si possono acquistare a Mindelo oppure se qualcuno va a Lisbona… alcuni si trovano anche a Milano.

    Insomma piccole quantità che ognuno di noi può infilare in valigia e trasportare senza problemi.

    SPEDIZIONE PACCHI: la cosa piu’ semplice (non ci sono dichiarazioni da fare circa il contenuto) ed economica sono piccoli pacchetti postali che non devono superare i 2 kg.
    Questo significa che se “nominiamo” una persona di nostra fiducia su un’isola, beh possiamo prima raccogliere qui e poi inviare sempre a questa persona che si incaricherà delle consegne per nostro conto e di relazionarci su cosa/chi ha ricevuto i nostri invii.

    synthiax
    Partecipante

    Breve aggiornamento.

    In data odierna, ho scritto ad una industria Milanese, primaria produttrice di

    cerotti, bende, garze, siringhe, diagnostici (es: termometri ,ecc)

    Ho chiesto loro se sia possibile acquistare direttamente in fabbrica ed a prezzi scontati, vista la destinazione “solidaristica” della loro merce…

    Se accettano, andrò a visitarli e proporrò loro di approntare ogni mese un tot di merce…. poporzionale ai fondi che riusciamo a raccogliere ogni mese…

    L’idea sarebbe quella di passae poi direttamente a ritirarlo.
    Il primo che parte, porta giù…. oppure si usa una parte dei soldi per approntare pachi postali sotto i 2 kg.

    Se anche questo capitolo si risolve posotivamente ed abbiamo il supporto di questa industria, poi passiamo a concentraci su chi possa essere il destinatario finali dei nostri pacchi: penso agli ambulatori locali nelle isole + decentrate…..ma ditemi anche voi….

    Op OP Oppppppppppp che negli ultimi 3-4 giorni vi siete un pochino ammosciati :-)))))

    rosaria
    Partecipante

    MANERA! piacere di conoscere tutti, sono nuova del forum, sono stata a Sao Vicente con un’amica 5 volte nell’ultimo anno, ci ritorno x 1 mese a fine marzo e quasi certamente in estate x 2 mesi, mi sembra interessante spedire cose da qui tipo: piccole radio, lettori cd, vestiti, biancheria, scarpe, ecc. x piccoli e grandi, noi e chi ci circonda, siamo pieni di cose, in ottime condizioni, che non usiamo, do la mia disponibilità a distribuire a sao vicente il materiale, il problema è la spedizione
    saluti

    1 domanda x Felix, ma non sei + partito con la barca? ci avevo fatto un pensierino x l’estate, un giretto partendo da Mindelo costo permettendo

    Anonimo

    Partito e, purtroppo, rientrato!

    felix

    chi vive senza follia non è così saggio come crede!

    polp68
    Partecipante

    Per Tutti e per NILTON:

    Ragazzi io ho una marea di vestiti e cose per i neonati e bimbi piccoli…il problema e’ proprio la spedizione perche’ spedire con i pacchi postali costa tantissimo….quindi se vi viene in mente qualcosa….
    Io sono di Roma, se scrive qualcuno di Roma che va li a CV (l’isola di destinazione non ha importanza perche’ tanto hanno bisogno ovunque di queste cose) e si offre per portare un po’ di roba e troviamo qualcuno di fiducia sull’isola che riceve, magari si possono raccogliere e destinare un poco di soldi per pagare il peso del bagaglio in eccesso. L’ultima volta che sono partita, a dicembre, avevo chiesto dei chili in piu’ per portare delle cose li’, ma me li hanno negati…avevo 15-17 chili in piu’ e anche una bicicletta….20 euro la bici (solo andata) e per fortuna mi hanno fatto uno sconto e ho pagato solo 100 euro per il resto!!!! Ma e’ cmq tanto!!! Quindi magari se destiniamo dei soldi per questo io mi offro per raccogliere la roba a Roma e portarla a Fiumicino a chi parte e si offre di portarla giu’….Oppure Nilton se ti va posso consegnare a te queste cose e poi tu pensi a darle a qualcuno che parte (tanto mi pare che tra di voi c’e’ sempre qualcuno che torna a casa per un poco)….
    Cosa ne dite?
    Simona

    Polp

    synthiax
    Partecipante

    ciao Simona…..

    Buona l’idea dei vestiti per bambini…non l’avevo ancora pensata ma è utilissima….

    Ci sono due cose da risolvere:

    1. trasporto dei vestitini da qui a CV

    2. consegna a Cv a persone non solo di fiducia, ma che sappiamo a chi vanno utilmente distribuiti

    Andiamo per piccoli passi: la soluzione migliore sarebbe avere
    un paio di centri di raccolta a ROMA e MILANO almeno.

    Per “centro di raccolta” non intendo un capannone: basterebbe anche una persona che si renda disponibile sul forum…
    Chi sa di partire, la chiama e le dice….stasera preparami xy kg di vestitini che li posso portare a CV domani mattina

    Il punto 2 però è altrettanto importante perchè se passo da Roma e ritiro qualcsoa, poi devo poterla consegnare subito a chi serve a CV, e non rischiare di portarmela in Italia perchè non so a chi darla.

    Idee ?

    Se solo ci fossero un paio di negozi o uffici dentro l’aeroporto di SAL e/o PRAIA….beh sarebbe risolto ogni problema: chi va a CV la consegna poi in aeroporto e successivmente, chi vive a CV la ritira e la distribuisce….sia a SAL che su altre isole….
    Ad esempio uno arriva a SAL in transito per Boavista, va nel negozio od ufficio che ci da una mano e dice : Sto andando a Boavista…dammi xy kg di merce che la porto io….

    imported_nilton
    Partecipante

    brava simona .guarda io ogni volta che mando giu qualcosa uso dei spedizionieri di cabo verde che hanno sede qui a roma .il punto è che anche loro costicchiano ,anche se la merce parte via nave e ci mette 1 o 2 mesi x arrivare .pero ‘ se si vuole fare 1 associazione possiamo metterci in contatto con l’ambasciata di cabo verde e spiegargli la situazione e le intenzioni e vediamo se ci possono dare 1 mano sia dogannale che di costi CAPITO SYNTH TE 6 LòA PERSONA GIUSTA SE VUOI TI POSSO FAR PARLARE CON LORO .FAMMI SAPERE

    synthiax
    Partecipante

    ciao nilton….
    credo di sapere a chi ti riferisci….

    E’ un Cverdiano, una brava persona, spedizioniere e titolare insieme al fratello di una agenzia di viaggio a Roma, ovviamente specializzata in CV.

    Ti fornisce fustoni di plastica da 200 litri tipo quelli usati per le olive in salamoia) e tu li riempi con merce o, quando pieni, lo chiami
    Unico neo….ti dice che passa domani e poi lo vedi tra una settimana….ma è un bravo ragazzo 🙂

    Gira il Centro Nord Italia col camion e va a ritirare la merce da spedire a Cv presso le famiglie Cverdiane che vivono in Italia…

    E’ vero che ti viene a ritirare la merce a domicilio, ma chiede circa 2 Euro/kg e, per un trasporto via mare, mi sembra puttosto caro…

    Considerando che il trasporto di merce via aerea per il Giappone lo pago 3-4 euro/Kg, beh per merce via mare 2 euro sono troppi. Bisogna negoziare !!!

    Vale la pena chiamarlo e farsi dire se, portandogli noi la merce in agenzia, ci fa pagare mooolto meno, visto che non deve venire col suo camion.

    Ditemi voi che ne pensate….
    Io posso garantire che si tratta di un serio spedizioniere e che la merce arriva di sicuro a Mindelo.

    Però resta comunque da decidere CHI ritira a destinazione e a chi viene poi distribuita la nostra merce…

    Se decidiamo questo, beh siamo già a buon punto….

    Avanti con le proposte…!!!! 🙂

    iottisan
    Partecipante

    Quella dello spedizioniere mi sembra 1 ottima idea, sempre se ridimensiona le sue tariffe x l’occasione. Magari ci si potrebbe mettere d’accordo in modo da fare 1 unica grossa spedizione poche volte all’anno (a seconda di quanto si riesce a raccogliere…), in modo da abbattere i costi. Resta sempre il problema dello “stoccaggio” in Italia prima della spedizione…

    synthiax
    Partecipante

    Ricapitolo e faccio ordine, altrimenti ci accavalliamo con le idee e proposte.

    Bisogna dividere la cosa in due parti

    1. Spedizione di medicali (garze, bende, termometri): vanno acquistati qui e spediti via aerea….o tramite spedizioni postali o tramite qualcuno di noi che prende, porta e consegna a CV

    2. Spedizione di vestiti, cancelleria ed altra merce UTILE : pesa molto e va spedita via mare. Bisogna raccoglierla in giro per l’Italia tra noi che viviamo chi a Milano, chi a Roma ecc., consolidarla in un unico posto e poi spedirla tramite spedizioniere e container.

    In questo caso, la via + semplice è nominare uno spedizioniere di fiducia, negoziare la presa, il consolidamento e la successiva spedizione via mare….

    In questo modo, ognuno di noi che ha da spedire qualcosa, sa che chiamando XYZ, lui arriva a casa nostra, si ritira il cartone, lo consolida (lo mette insieme) con altre spedizioni e, una volta che ha il container pieno, prende, lo porta a La Spezia ed imbarca il tutto.

    Fatta chiarezza, la domanda è: siamo in grado di organizzare spedizioni di cui al

    punto 2 (merce in interi cartoni e spedita via mare)

    o è meglio raccogliere soldini, acquistare medicali e “limitarci” a spedizioni di cui al

    punto 1 (piccoli invii di medicali, spediti via aerea)

    ?????

    Dato che siamo un “piccolo” forum, frequentato da relativamente poche persone e che, peraltro, non tutte potranno o vorranno dare una mano….io credo che sia meglio iniziare con il punto 1.

    Ovvio che se poi abbiamo “successo” e riusciamo renderci davvero utili, prendiamo coraggio sia noi che molta altra gente….

    Io almeno la vedo così…..
    Raccogliamo qualche centinaio di euro, acqustiamo medicali utilissimi a CV, li spediamo o li portiamo direttamente noi e poi vediamo come muoverci ulteriormente.

    polp68
    Partecipante

    Ciao!
    Io mi offro di raccogliere la merce a Roma e di portarla, se vi mettete d’accordo per un prezzo decente, allo spedizioniere. SO che NILTON e’ a Roma, quindi se vuole potremmo essere in due e aiutarci a vicenda per Roma. Lavoro in un grande ufficio e posso organizzare anche delle racolte se serve.
    Se lo spedizioniere viene a “mancare” (nel senso buono!!!), come gia’ detto prima, mi offro per portare a Fiumicino la roba da spedire.
    Io penso che per i pagamenti si potrebbe usare PayPal, io ho gia’ un account aperto in modo che, se serve, mi potete inviare i soldi per lo spedizioniere o per pagare il bagaglio in piu’ in aereo.
    Per NILTON:
    se agli altri va bene possiamo benissimo metterci d’accordo per andare all’ambasciata un sabato mattina (io non lavoro di sabato e tu?) a parlare un po’ con qualcuno.
    Poi posso chiedere al mio ragazzo di Santa Maria se conosce qualcuno di fiducia che lavora in aereoporto a Sal a cui lasciare la roba che verra’ poi distribuita.
    Fatemi sapere: di roba per i bimbi ne abbiamo tantissima a disposizione (me la porta una collega dell’ufficio).
    Baci
    Simona

    Polp

    synthiax
    Partecipante

    Brava Polp !!!

    Sto cercando di rintracciare sul cellulare quel malandrino del mio amico spedizioniere Caboverdiano…ma si sarà imboscato in qualche Autogrill con Camogli e Rustichella 🙂

    Oggi, se lo trovo, vi dico il miglior prezzo che è disposto a farci per spedizioni via mare a CV.

    Considerando che i cartoni sarebbero da Polp, a Roma, beh gli faccio mettere 4 mani sulla coscienza e lo stresso perchè ci accordi un prezzo di favore…
    Vi saprò dire ASAP (As Soon As Possible :-).

    PayPal: credo sia un metodo semplice quando lanceremo la “campagna raccolta fondi” !!!

    imported_nilton
    Partecipante

    se ci riesci a fargli mettere 4 mani è 1 grossa impresa e si inizierebbe alla grande ,ti ho manndato i numeri di cell e dell office .(io non ci sono riuscito ,e ho dovuto fare 1 sacrificio in piu )ciao

Stai vedendo 15 articoli - dal 31 a 45 (di 165 totali)

Il forum ‘ONG/cooperazione/aiuti umanitari’ è chiuso a nuove discussioni e risposte.