Tattoo vi racconta,dopo 15 giorni in S.Maria

Home Forum Racconti/esperienze/storie Tattoo vi racconta,dopo 15 giorni in S.Maria

Questo argomento contiene 26 risposte, ha 0 partecipanti, ed è stato aggiornato da  imported_tattoo 18 anni, 2 mesi fa.

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 27 totali)
  • Posts
    imported_tattoo
    Partecipante

    Ciao a tutti,no non sono micca morto,ero solo nella fase di infilrtrazione.
    bene come Sal,santa maria?
    primo impatto un posto stupendo,bel ambiente,bei paesaggi,e molto bisogno di compressione.
    Hai il paesino con molta gente sorridente,ma dietro questa sonrisa hai la disasperazione,visto che si hai turismo,ma tutti sono dentro alle strutture,dei mega villaggi,dove vi premetto che hai turisti viene consigliato di non uscire,visto che fuori ci sono mille pericoli,PALLE ma DI PIU,qui la gente si disaspera visto che i buoni turisti credono a queste menzogne tutti spendono imbecillemente i loro soldi dentro hai villaggi,pagando il doppio dei prezzi,e senza supporto alcuno per gli abitanti.
    Non e VERO che fuori hai pericoli NO e NO,l unico pericolo che ciai e di incontrarti un senegalese che ti vuole vendere un suvenir,ma chiaro meglio per i propetari del villaggio hol inclusiv,comprarlo fuori a 5 euro e vendertelo a 20 euro.
    Poi si siamo noi stupidi italiani sempre andimo in vacanza con il tutto organizzato,e l unica cosa che paghiamo la fregatura che ti danno.
    Se volete fare qualcosa per VOI e per i capoverdiani,aprite gli occhi,e mandate a fare in c..o i villaggi turistici con il loro inclusiv,dove prendono ancora capoverdiani che lavorando 12 ore li pagano ancora 200 euro al mese,e il resto se lo intascano i propietari.
    E deprimente viverlo,sappiate che se uno si compra un billietto solo di volo,hai mille alloggi che puoi afittare a prezzi bassissimi e con ottime prestazioni,e con la possibilita di conoscere la vera Capoverde.
    Io sono qua non staro tanto con lo scrivere nel forum,ma per chiunque volesse sentirsi piu responsabile delle propie scelte,aiutando il popolo che ci ospita,e non distruggendolo,io vi aiutero per qualsiasi tipo di informazione,a livello turistico o di investimento,o ecc..
    Potrete contattarmi,per imail cosa che controllo una volta per settimana,o piu rapido al tel.00238.912131.
    vi prometto di consigliarvi il meglio possibile,e ricordatevi,che capoverde e fantastica,ma ha anche bisogno del vostro supporto,e finche crederete le cavolate che vi raccontano nei villaggi,voi sarete gli stupidi turisti.
    un saluto a tutti,e a presto.TATTOO
    A ps.. per ALEX mi dispiace dirti che riguardo alle puttane,non so dove avrai avuto questa informazione,ma qui non ce ne l ombra,qui si usa ancora il vecchio sistema,piacersi,e fare l amore,cosa che tu ancora non capirai,ma tranquillo tutti cresceremo…
    BACIONI:

    Iron Machine

    imported_kathy
    Partecipante

    Ciao Tattoo….Visto che sei stato a Sal per un bel po’,
    pls mi daresti qualche consiglio? Parto sabato 14 febbraio
    x 1 settimana con un’amica. S’intenda…anche noi non siamo
    certo tipi da villaggio!!! Per questo ci serve qualche consiglio
    utile per conoscere la vera realtà che vivono i capoverdiani.
    Al di là di quello che scrivono sulle solite guide ci puoi dire
    quali sono i posti da frequentare, come localini ed altro? Ci serve
    qualche suggerimento personalizzato!! E poi cosa sarebbe bene
    portare per aiutare quei fantastici bambini? Chiaramente se c’è
    qualche escursione o esperienza in genere che ti ha colpito
    particolarmente, mettici a conoscenza!!!
    A presto………

    simi
    Partecipante

    Cia Kathy, ma parti il 14 con il volo di Malpensa dell’1,10?

    Se è così anche noi………fammi sapere
    ciao ciao

    simi

    imported_kathy
    Partecipante

    citazione:


    Cia Kathy, ma parti il 14 con il volo di Malpensa dell’1,10?

    Se è così anche noi………fammi sapere
    ciao ciao

    simi


    imported_kathy
    Partecipante

    Buongiorno Simi…
    Sì parto da Malpensa la notte tra il 14 e il 15 Feb!
    Allora ci si vede….

    pallino
    Partecipante

    buongiorno a todos e ciao grande tatoo sono molto contento di sentire tue notizie dall’arcipelago.
    bene notizie sicuramente confortantigià che stai li ho due domande da farti:

    -è vero che le autorità reggono la parte ai villaggi impedendo a bancarelle ed ambulanti di lavorare con serena gioia?

    a me sinceramente non dispiacerebbe mettere sulle spalle una borsata di Nag Champa da vendere non tanto per il lucro(sai te quanto guadagni con 100 scatole di incensi indiani) ma tanto per stazionare un poco a santa maria in modo easy e rompere quella barricata mentale eretta dai soliti “noti” sciupamondo !

    ah visto che mi è già sfuggita una occasione simpatica ti dico:
    io sono meccanico di moto se ti capita di sentire qualked’uno che abbisogna sai sarebbe una bella informazione per entrambi 🙂

    e sono troppo felice di sentire che la prostituzione non è così difusa come alcuni insinuano e forse auspicano (chi ha orecchie senta)

    Grazie Tatoo ti auguro delle stupende esperienze sicuro che tra non moltissimo ci si incontrerà a Capo

    tutto sempre in PEACE,LOVE&RESPECT

    OM SHIVA

    ALESSIO

    Anonimo

    Ciao katy… ormai sono connesso, quindi credo è giusto che ti scriva ciò che penso.
    Premesso che non so se andrai in villaggio o in pensione o cosa…
    se hai deciso di fare tutta la settimana a Sal, DEVI almeno farti un’escursione a BoaVista, magari in barca. Non comprarla in villaggio perchè la paghi il doppio ed avrai come “plus” di andare in giro con le stesse facce che vedi tutti i giorni al ristorante, in spiaggia, in piscina… ecc!! Se riesci ad andare per un giorno intero (quindi pernottare lì) noleggia qualunque cosa (motorino, fuoristrada) e và al deserto di Viana e a sud… verso le spiagge. Ieri ero a santamonica, DA SOLO in 19 km di spiaggia bianchissima sconvolgente… e te lo dico io che vivo ai tropici da 5 anni e di spiagge belle ne ho viste!
    poi (sempre a sal)… prendi un yassi (taxi collettivo), ti costa 1euro, e và ad Espargos…. se ti va un contatto con la gente locale senza doverti preoccupare di capire se chi sta parlando con te lo fa per poi tirarti fuori la merce da venderti o per chiederti qualcos’altro. Da lì col taxi puoi andare a farti un giro alle saline… il bagno è un’esperienza eccezionale.
    Come ritrovi… c’è il solito Pirata, se ti va di vedere gente interessata solo all’acchiappo… con o senza dinero!! In compenso c’è dell’ottima musica! ltrimenti c’è un locale sulla strada principale dove servono dell’ottima cucina capoverdiana e c’è musica reggae tutta la sera… puoi anche solo bere qualcosa. In fondo al paese c’è il Kriol cafè… ottima cucina locale e drinks a prezzi ridicoli. Un pò meno “local” ma con della buona musica dal vivo ed un ottimo violino l’Esplanada Mateus… ottimo il pesce.
    Se sei ancora da organizzare con il soggiorno… beh… la scelta è molto più vasta… io ci sto ancora perdendo la testa. Cmq la prox settimana io sono (anzi, a questo punto saremo, visto che la comitiva si e’ allargata alle 4 pazze) tra s.vicente e s.antao.
    Buon divertimento!!!!!!!!!!!!!!!!!
    P.S. Se mi consentite una valutazione reale del problema prostituzione… vorrei esporre la mia. In 3 giorni trascorsi a S.maria sono stato avvicinato da un numero inquantificabile di ragazze (da togliere il fiato) nigeriane, senegalesi e liberiane. Quindi.. per chi sostiene che non ce ne sia… beh, lasciamo i sentimenti e la teoria altrove Please!! La cosa che si può dire è che nessuna di queste era C.Verdiana. A BoaVista il fenomeno non esiste…

    felix

    laganas
    Partecipante

    grazie per il “4 pazze”!!! Spero sia un complimento….

    Anonimo
    Quote:
    grazie per il “4 pazze”!!! Spero sia un complimento….

    Deve esserlo per forza… non posso rischiare di essere lapidato in terra straniera… sono pur sempre in minoranza!!!

    felix

    Anonimo

    Ah… scusate, prima ho dimenticato il Barracuda… direttamene alle spalle del pontile di S.Maria. Musica reggae, pesce fresco, locale molto caratteristico, con una forte presenza della comunita’ locale. Al pomeriggio sulla spiaggia di fronte al locale organizzano un beach volley molto easy, ma divertente. Partecipate ed inseritevi.

    Quote:
    E poi cosa sarebbe bene
    portare per aiutare quei fantastici bambini?

    Per quanto sopra scritto vorrei aprire una discussione… ovviamente quello che dico e’ un MIO modo di vedere le cose, sviluppato in anni di convivenza con vari popoli “in via di sviluppo”, non solo capoverdiani.
    la questione «regaliamo le caremelle ai bambini»… intesa come un dare per nulla un qualcosa, a volte perche’ pensiamo di fare una cosa carina, altre per scaricare la nostra coscienza, o ancora per padreternismo occidentale e’ sempre stata il perno delle mie discussioni con i turisti che venivano in vacanza nei paesi “svantaggiati” sentendosi lo zio emigrato che tornava al paesello dopo 30 anni di America.
    Se i bambini vengono abituati a fare la faccetta carina e per questo ricevere un qualcosa in regalo non e’ molto educativo, e soprattutto non abbiamo apportato un miglioramento alla loro vita.
    La conferma l’ho avuta alle Maldive. Non ho mai visto un bimbo maldiviano, in 18 mesi trascorsi con loro, chiede una caramella, dei soldi o altro per nulla. Anzi, vi diro’ di piu’… ho visto bambini accettare caramelline dai turisti/zioSam, e di nascosto, per non offendere, buttare via la caramellina. Grosso segno di orgoglio. Per contro, gli stessi bimbi maldiviani, per ottenere un guadagno, s’industriano e si mettono a fare costruzioni in cocco come i modellini di Dhoni (barche locali), o collane e braccialetti di conchiglie, ecc. Questo perche’ hanno, tramandato da una cultura sana ed una educazione molto ferma, un senso del lavoro molto solido. E soprattutto perche’, il particolare tipo di turismo che vige alle Maldive non li ha ancora esposti all’equazione sorrisino=regalino.
    Come sempre si puo’ interpretare male quanto ho scritto, tanto piu’ che e’ stato scritto di fretta perche’ ho il volo tra un po’…. non voglio dire che le tradizioni, i costumi e le culture di altri popoli siano meno radicate e sane…. e’ semplicemente piu’ invasivo il turismo.
    Scusate… ora vado, avremo modo di puntualizzare il tutto poi…

    felix

    imported_kathy
    Partecipante

    Ciao Felix….
    davvero grazie per tutti i suggerimenti preziosi che
    mi hai dato, era proprio quello che cercavo, cioè nomi di locali
    degni di visite, escursioni verso località mozzafiato e, soprattutto,
    il più possibile lontane dal turismo di massa (v. spiaggia
    chilometrica e deserta)!!!! Come avrai capito non sono la tipica
    turista italiana che viaggia per passare una settimana in un
    villaggio “all inclusive”, sprecando le mie giornate a seguire i
    corsi di aerobica o passando la serata ad assistere agli sketch
    degli animatori, e quant’altro di simile…preferisco conoscere da
    vicino la cultura dei locali e i panorami più belli dei tanti
    paesi che giro, un po’ per lavoro un po'(anzi soprattutto) per
    passione!! Anzi ti confido che il mio continente preferito è l’
    Africa proprio perchè lì il modo di vivere è proprio agli antipodi
    rispetto alla moderna cultura europea, esiste fortunatamente una
    semplicità ed onestà che da noi oramai sono sconosciute….
    E’ per questo che tengo a precisare che non mi riconosco affatto
    nel personaggio zio Sam o ricco zio d’America!!!!! Forse la mia
    richiesta di consigli su cosa portare ai bambini locali è stata
    fraintesa: intendevo dire che forse li si può aiutare regalando
    delle penne, dei quaderni (come ho fatto in passato quando ho
    fatto un indimenticabile viaggio in Kenia),insomma tutti generi di
    cose che hanno un uso educativo ed istruttivo,….lungi……dal
    pensare che alludevo a caramelline o, peggio, denaro da regalare
    in cambio di un sorriso o di una foto!!!!! Decisamente squallido..
    Purtroppo la comunicazione via forum può comportare
    fraintendimenti, non è certo come farsi una chiacchierata!!!

    Grazie ancora dei consigli, a presto……..

    rosanna
    Partecipante

    Ciao Kathy, tutta la cancelleria scolastica è gradita a CaboVerde. Vanno bene anche vestiti, scarpe, insomma tutto. E porta anche la cioccolata.

    E’ vero quello che dice Felix, un certo tipo di turismo “paga” i sorrisi e i giochi ed è molto diseducativo.

    Ma i bimbi sono sempre bimbi, e se ti siedi in mezzo a loro, e dividi della cioccolata, dei biscotti con loro, come se fossi uno di loro, poi ti troverai immersa in giochi, sorrisi e scherzi.

    gasolia
    Partecipante

    Io ho comprato un bel pò di quaderni e delle scatole di matite colorate.. credo che li darò a una scuola o forse è meglio darli ai bambini stessi per strada? Ho preso anche le caramelle ma, felix perdonami, sinceramente non mi aspetto nessun sorriso e non mi aspetto nemmeno di poter cambiare qualcosa. Tu hai ragione sul discorso dell’educazione, non ti si può dar torto, però come dice Rosanna sarebbe carino passare un pomeriggio a giocare con loro, facendo giochi sani che non faccio da quando ero bimba e, prchè no, mangiare le caramelle insieme! Io comunque, che sono sarda, ero felicissima quando i turisti venivano nel mio paesino e ci facevano le foto o ci davano le caramelle… Ripensandoci, ora mi viene un pò rabbia perchè questi pensavano addiritura che noi non avessimo la corrente o la televisione e che eravamo solo un popolo di banditi. Inneve, purtroppo quelle cose le avevamo anche noi solo che loro non si rendevano conto che a pari comodità, noi eravamo ancora molto spontanei e loro la spontaneità l’avevano persa fra lo smog delle loro città… Questo solo per dire che i bambini son bambini e vanno trattati da bambini, anche dandogli le caramelline…

    rosanna
    Partecipante

    Io non so se sia meglio darli alle scuole o direttamente ai bimbi. C’è chi dice che i bimbi diventano aggressivi fra di loro per conquistare il “regalo”. A me invece è capitato di svuotare il mio zaino del poco che conteneva nella spiaggia di SaoPedro, a Mindelo, e i bimbi sono stati tutti splendidi, tutti in paziente attesa del loro turno, e hanno diviso le cose che con i più piccoli……sono rimasta totalmente disarmata dal vedere trappoletti che non hanno nulla e dividono il nulla fra di loro……una bella lezione per il nostro egoismo…..e quando lo zaino era vuoto e ho detto basta, siamo rimasti seduti sulla spiaggia a chiacchierare e giocare.
    E per quanto riguarda le foto: sono bimbi e molto fanatici, sono loro a volere che gli scatti le foto, in cambio di niente.

    Se decidi di dare le cose alle scuole (tu vai a Sal, vero?) non dare alla scuola di SantaMaria, loro ricevono spesso cose. Ci sono altri asili in giro per l’isola dove invece non arriva nulla.

    gasolia
    Partecipante

    No Rosanna io vado a a Sao Vincente e Sant’Antao, a Sal ci sarò solo per poche ore, giusto il tempo di vedere le saline di pedra de lume!!

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 27 totali)

Il forum ‘Racconti/esperienze/storie’ è chiuso a nuove discussioni e risposte.