La solidarietà pelosa che portiamo nelle isole

Home Forum ONG/cooperazione/aiuti umanitari La solidarietà pelosa che portiamo nelle isole

Questo argomento contiene 14 risposte, ha 0 partecipanti, ed è stato aggiornato da  damiao 11 anni, 6 mesi fa.

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 15 totali)
  • Posts
    damiao
    Partecipante

    Cari tutti, sono tre anni che, per motivi di studio e lavoro in campo di ricerca universitaria, giro le isole e leggo questo forum. Lascio stare i commenti su chi pensa che il capoverdiano sia rappresentato da chi fa l’animatore nei villaggi, meno male che c’è qualcuno che lo ha sottolineato, vorrei invece spendere due parole sulle presunte attività di solidarietà che vengono da anni portate avanti nell’arcipelago.
    Non basta solo portare quaderni e medicine che sicuramente sono importanti e conosco chi come Clara intende questo gesto come qualcosa che va oltre la semplice “solidarietà balneare”!
    Ho avuto modo d’incontrare tante persone che si sono spacciate per benefattori, molti che si sono riempiti la bocca della parola solidarietà, anche qualche religioso purtroppo, e devo dire che oltre le parole, i siti internet, gli articoli sui giornali, beh… nella realtà c’è veramente poco.
    D’altronde come sia difficile fare qualcosa di diverso lo dimostrano le mail di Stacc e altre in cui si stigmatizza la quasi inesistenza di ONG a Capo Verde.
    Così il mio vuole anche essere un appello a chi veramente vuole fare qualcosa sul campo a metterci insieme e tentare qualcosa di veramente “solidale”.
    Mi piacerebbe sentire di qualche bella storia andata a buon fine in campo solidale, io ne ricordo al momento solo due quella di Anna e Alberto che potete leggere sul loro sito e quella di Vera e degli asili a Sant’Antao.
    Voi ne conoscete altre? Mi sono forse sbagliato? Sono stato troppo duro?
    Attendo risposte

    etabeta51
    Partecipante

    Ciao Damiao

    posso dire che anche io ho provato a ” fare ” qualcosa di concreto per Boa; dopo più di un anno che mi interesso ad un progetto e qualche settimana di permanza a Boa non sono riscito a concludere niente …. eppure di impegno ( e nonsolo !! ) credo di avercelo messo ! , comunque io sono un testadura per cui non demordo … giusto: l’unione fà la forza .. fammi sapere … i buoni cervelli danno buone idee e le buone idee danno buone cose … più cervelli… più buone cose … o no ? Dammi un indi e-amil e mi farò vivo

    Etabeta

    damiao
    Partecipante

    Ciao etabeta la mai mail è damgallinaro chicciola libero.it aspetto tue notizie.
    A presto

    prince
    Partecipante

    X DAMIAO,come ho detto su altri argomenti del forum,a boavista sal rei cè una ragazza che nel suo piccolo dei risultati gli ottiene,e sono visibili sul suo sito,molto semplice,vuvuvuboavistadreamscom.Sono , piccole cose ,come donare dall’italia una sedia a rotelle nuova a paolo,ragazzo di sal rei,oppure avere dei soldini per comprare la tinta per dipingere i muri delle scuole di joao gallego,o rabil,ovvio,sono piccole cose non roboanti,non grosse imprese,oppure farsi arrivere dall’italia centinaia di sandalini di gomma,mute da calcio per la squadra dei bambini di rabil,tutto,ripeto, semplicemente documentato sul sito.Quindi damiao cè chi si prodiga per gli altri con buoni risultati.
    saluti
    prince

    rotella58
    Partecipante

    citazione:


    Cari tutti, sono tre anni che, per motivi di studio e lavoro in campo di ricerca universitaria, giro le isole e leggo questo forum. Lascio stare i commenti su chi pensa che il capoverdiano sia rappresentato da chi fa l’animatore nei villaggi, meno male che c’è qualcuno che lo ha sottolineato, vorrei invece spendere due parole sulle presunte attività di solidarietà che vengono da anni portate avanti nell’arcipelago.
    Non basta solo portare quaderni e medicine che sicuramente sono importanti e conosco chi come Clara intende questo gesto come qualcosa che va oltre la semplice “solidarietà balneare”!
    Ho avuto modo d’incontrare tante persone che si sono spacciate per benefattori, molti che si sono riempiti la bocca della parola solidarietà, anche qualche religioso purtroppo, e devo dire che oltre le parole, i siti internet, gli articoli sui giornali, beh… nella realtà c’è veramente poco.
    D’altronde come sia difficile fare qualcosa di diverso lo dimostrano le mail di Stacc e altre in cui si stigmatizza la quasi inesistenza di ONG a Capo Verde.
    Così il mio vuole anche essere un appello a chi veramente vuole fare qualcosa sul campo a metterci insieme e tentare qualcosa di veramente “solidale”.
    Mi piacerebbe sentire di qualche bella storia andata a buon fine in campo solidale, io ne ricordo al momento solo due quella di Anna e Alberto che potete leggere sul loro sito e quella di Vera e degli asili a Sant’Antao.
    Voi ne conoscete altre? Mi sono forse sbagliato? Sono stato troppo duro?
    Attendo risposte



    caro damiao
    come puoi affermare che anna e alberto facciano qualcosa di concreto col loro ristorante visto che le famose quote che loro dicono di aver fatto per le ragazze la maggioranza è nelle loro mani e non in quelle delle ragazze la tanto ventilata solidarietà che tu dici non la vedo (cosa che anche tu puoi verificare sul loro sito)se veramente volevano aiutarle dovevano dare loro la maggioranza delle azioni o sbaglio?

    winegarden
    Partecipante

    ciao a tutti,
    che io sappia ci sono almeno due ONG italiane attive (salvo eventuali tagli dalla finanziaria 2008 del MAE,o UE ):africa70 e Cospe .

    Premesso il mio pessimismo sul concetto di “solidarietà del lapis”,bene esposto da chi mi ha preceduto,eviterei però di sparare su Anna e Alberto. Uno “start up” come il loro nessuno lo avrebbe fatto a prezzo di costo, neanche i fraticapuccini di fogo,che hanno preso a gratis 30 ettari di terreno (comodato d’uso per cinquantanni) trasformandolo a vigneto, con una cantina di prorietà sui 1500m2 con un potenziale produttivo per più di 250.000 bottiglie
    e Produzione lorda vendibile di oltre 1 milione di euro annuo.
    vedi: vigneto Maria Chaves,fogo,CV…..masssimo rispetto!

    fantik
    Partecipante

    Buon giorno a tutti, nel vero senso della parola.
    Vi rivolgo una piccola semplice domanda? Dove e chi vi ha insegnato a criticare l’ operato degli altri? Qual screanzato maestro?
    Anna E Alberto? Hanno creato la loro storia, vivono nel loro spazio, svolgono la loro vita, fanno le loro scelte, tutto quel che producono saranno fatti loro, no? Hanno la loro idea di solidarietà, sicuramente. Voi li conoscete di persona, conoscete il loro cammino? L’ inizio del loro cammino? Quindi? Perchè criticarli così apertamente? A me possono piacere o meno le loro idee, ma non mi nutro con quelle!
    Le penne e i lapis ed i quaderni? La vita è fatta di forme di pane da un 1kg e di briciole!
    Con che pensate che scrivono i bambini? Con i vetri rotti delle bottiglie? E dove? Sulla sabbia? Su quelle piccole cose che le persone di buon cuore desiderano donargli, ci devono …sputare sopra? Sono semplici e utili materiali di consumo giornaliero. Si fà del bene contribuendo in tanti modi. Quando scrivete sciocchezze e digitate sulla tastiera del vostro computer, osservatela..ci sono lettere, virgole, numeri, accenti, freccette, il tasto dell’ invio, ed il punto non è meno importante dello schermo o dell’ hard disk…è semplicemente necessario! Riflettete e ditemi di cosa fareste a meno, che cosa non è necessario per realizzare un testo o svolgere una buona attività? Chi può eleggersi a giudice di un’ altro essere pari a lui…o forse un poco superiore visto che si adopera a suo modo(può avere questo diritto..giudici?), per gl’ altri?

    Perchè invece di perdere tempo sul sito in questione, con questo vostro operato, non fate del bene anche voi?(Perchè se così fosse, avreste un’ altro animo, altri pensieri)
    Si può contribuire già dall’ interno delle propie quattro mura, una scampagnata con i figli, i genitori, aiutare le piante del giardino a crescere diritte, il cane… a non sospirare la sua giratina serale. Fatemi la cortesia, cominciate a fare queste piccole cose e lasciate fare i giudici agli addetti all’ arte di quel mestiere!

    Io, non sono stato superiore a voi, perchè anch’io ho dato giudizi, ma ragazzi…ci vuole un fegato di ferro per non rispondervi!
    Quell’ Etabeta poi! Vorrei sapere se a Capoverde c’è mai stato, e se si per quanto tempo!?

    Scriviamo sotto un falso nome, che ci aspettiamo? Valori?
    Bisogna chiamarsi per nome, se almeno non è possibile guardarsi negl’ occhi! E qualcuno si morderebbe la lingua chissa quante volte!

    damiao
    Partecipante

    Ben detto anch’io ho scritto dell’esperienza di Anna e Alberto perche’ li conosco di persona e so cosa hanno costruito tra quante difficolta’ e delusioni.
    Un saluto
    Damiano

    citazione:


    Buon giorno a tutti, nel vero senso della parola.
    Vi rivolgo una piccola semplice domanda? Dove e chi vi ha insegnato a criticare l’ operato degli altri? Qual screanzato maestro?
    Anna E Alberto? Hanno creato la loro storia, vivono nel loro spazio, svolgono la loro vita, fanno le loro scelte, tutto quel che producono saranno fatti loro, no? Hanno la loro idea di solidarietà, sicuramente. Voi li conoscete di persona, conoscete il loro cammino? L’ inizio del loro cammino? Quindi? Perchè criticarli così apertamente? A me possono piacere o meno le loro idee, ma non mi nutro con quelle!
    Le penne e i lapis ed i quaderni? La vita è fatta di forme di pane da un 1kg e di briciole!
    Con che pensate che scrivono i bambini? Con i vetri rotti delle bottiglie? E dove? Sulla sabbia? Su quelle piccole cose che le persone di buon cuore desiderano donargli, ci devono …sputare sopra? Sono semplici e utili materiali di consumo giornaliero. Si fà del bene contribuendo in tanti modi. Quando scrivete sciocchezze e digitate sulla tastiera del vostro computer, osservatela..ci sono lettere, virgole, numeri, accenti, freccette, il tasto dell’ invio, ed il punto non è meno importante dello schermo o dell’ hard disk…è semplicemente necessario! Riflettete e ditemi di cosa fareste a meno, che cosa non è necessario per realizzare un testo o svolgere una buona attività? Chi può eleggersi a giudice di un’ altro essere pari a lui…o forse un poco superiore visto che si adopera a suo modo(può avere questo diritto..giudici?), per gl’ altri?

    Perchè invece di perdere tempo sul sito in questione, con questo vostro operato, non fate del bene anche voi?(Perchè se così fosse, avreste un’ altro animo, altri pensieri)
    Si può contribuire già dall’ interno delle propie quattro mura, una scampagnata con i figli, i genitori, aiutare le piante del giardino a crescere diritte, il cane… a non sospirare la sua giratina serale. Fatemi la cortesia, cominciate a fare queste piccole cose e lasciate fare i giudici agli addetti all’ arte di quel mestiere!

    Io, non sono stato superiore a voi, perchè anch’io ho dato giudizi, ma ragazzi…ci vuole un fegato di ferro per non rispondervi!
    Quell’ Etabeta poi! Vorrei sapere se a Capoverde c’è mai stato, e se si per quanto tempo!?

    Scriviamo sotto un falso nome, che ci aspettiamo? Valori?
    Bisogna chiamarsi per nome, se almeno non è possibile guardarsi negl’ occhi! E qualcuno si morderebbe la lingua chissa quante volte!


    bbalberto
    Partecipante

    non amiamo i forum ma, essendo stati chiamati in causa, è necessario che forniamo qualche chiarimento.
    Le ragazze erano già proprietarie delle quote e l’attuale variazione è solo per permettere una più agevole cessione dell’attività poiché loro non intendono continuare autonomamente.
    Ringraziamo Fantik e Damiao che hanno capito la nostra iniziativa e la difendono.
    A Rotella 58, e a chiunque altro voglia, facciamo una proposta.
    Comprare il 50% delle quote (l’altro 50% lo divideremo gratuitamente tra le due ragazze rimaste.) Il denaro sborsato verrà utilizzato in parte per qualche lavoro di manutenzione. Quello che rimarrà verrà diviso tra le ragazze.
    Noi non recupereremo un solo euro.
    Forza! Farsi avanti!
    Naturalmente non dmenticate che le nostre ragazze, poi, il nuovo socio lo vogliono qui a Capo Verde!
    Un abbraccio,
    Anna e Alberto

    bbalberto
    Partecipante

    non amiamo i forum ma, essendo stati chiamati in causa, è necessario che forniamo qualche chiarimento.
    Le ragazze erano già proprietarie delle quote e l’attuale variazione è solo per permettere una più agevole cessione dell’attività poiché loro non intendono continuare autonomamente.
    Ringraziamo Fantik e Damiao che hanno capito la nostra iniziativa e la difendono.
    A Rotella 58, e a chiunque altro voglia, facciamo una proposta.
    Comprare il 50% delle quote (l’altro 50% lo divideremo gratuitamente tra le due ragazze rimaste.) Il denaro sborsato verrà utilizzato in parte per qualche lavoro di manutenzione. Quello che rimarrà verrà diviso tra le ragazze.
    Noi non recupereremo un solo euro.
    Forza! Farsi avanti!
    Naturalmente non dmenticate che le nostre ragazze, poi, il nuovo socio lo vogliono qui a Capo Verde!
    Un abbraccio,
    Anna e Alberto

    stacc
    Partecipante

    ciao a tutti sono tornata!!!
    finalmente mi trovo a boa vista con il mio compagno.
    è facile parlare,sempre più mi rendo conto che la gente certe cose non le vuole sentire.
    mentre ero in italia mi sono presentata a svariate aziende per chiedere un aiuto pure misero ma un aiuto.
    un mendicante è trattato meglio!
    e tutti….abbiamo già fatto donazioni e bla bla bla….
    ora sono qua con una valigia di roba regalata da amiche,è veramente poca roba ma se penso che non l’ho pagata essendo extra kg….mi ritengo pure fortunata.
    damiano se passi per boa vista,mi posso presentare?
    mi trovi a boa casa il mio nome è sonia
    ciao a tutti

    damiao
    Partecipante

    Ciao Sonia verrò a Boavista tra il 20/01 e il 28/01 non so ancora bene i giorni precisi e mi farebbe piacere incontrarti.
    A presto allora
    Damiano

    citazione:


    ciao a tutti sono tornata!!!
    finalmente mi trovo a boa vista con il mio compagno.
    è facile parlare,sempre più mi rendo conto che la gente certe cose non le vuole sentire.
    mentre ero in italia mi sono presentata a svariate aziende per chiedere un aiuto pure misero ma un aiuto.
    un mendicante è trattato meglio!
    e tutti….abbiamo già fatto donazioni e bla bla bla….
    ora sono qua con una valigia di roba regalata da amiche,è veramente poca roba ma se penso che non l’ho pagata essendo extra kg….mi ritengo pure fortunata.
    damiano se passi per boa vista,mi posso presentare?
    mi trovi a boa casa il mio nome è sonia
    ciao a tutti


    fabele
    Partecipante

    Ciao a tutti,
    visto che si parla di solidarietà mi sento chiamata in causa:lavoro per un gran bel progetto educativo in Santiago.E’dura non si può negare ma i risultati si vedono.Forse le ong sono più in risalto ma assicuro che anche le associazioni fanno il loro bel lavoretto.E massimo rispetto sì per i cappuccini a Fogo.Poche parole,molti fatti.
    Ciao!

    damiao
    Partecipante

    Ciao Fabele mi farebbe piacere incontrati se sei a Santiago, io sarò a Praia dal 20 al 25 gennaio. Se vuoi puoi contattarmi a questa mail damiano chicciola caboverdemail punto com.
    Così possiamo parlare un pò anche della tua esperienza
    A presto

    citazione:


    Ciao a tutti,
    visto che si parla di solidarietà mi sento chiamata in causa:lavoro per un gran bel progetto educativo in Santiago.E’dura non si può negare ma i risultati si vedono.Forse le ong sono più in risalto ma assicuro che anche le associazioni fanno il loro bel lavoretto.E massimo rispetto sì per i cappuccini a Fogo.Poche parole,molti fatti.
    Ciao!


    fabele
    Partecipante

    Ciao Damiao!
    Sono in Italia fino al 25(dal 13)per qualche dì di distacco.Però solitamente sono giù.Se ripassi di qui ci possiamo beccare,tenendo conto degli impegni di lavoro nella missione in cui opero.
    Fammi sapere,buon proseguimento!

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 15 totali)

Il forum ‘ONG/cooperazione/aiuti umanitari’ è chiuso a nuove discussioni e risposte.